venerdì 8 agosto 2014

Comunicazione..... il sale della vita.

Quando di parla di comunicazione si parla di qualcosa che è il vero e proprio centro della vita.
Parlando di esseri umani, non possiamo che osservare quanto la comunicazione sia alla base del vivere di ogni individuo.
Possiamo arrivare a dire che la comunicazione è vita.
Ma cosa è la comunicazione?

Per comunicazione intendiamo il trasferimento di qualcosa attraverso lo spazio da un punto che emette ad un punto che riceve.
Questo qualcosa può essere una idea, un'emozione o un oggetto.
Può essere trasferito tramite molti veicoli, ovvero strumenti che lo "portano" fisicamente da un punto all'altro.

Potrebbe essere la voce umana, una lettera o un camion. Potrebbe essere una lettera dentro una busta dentro un sacco che viaggia su un camion.....
Ma non bisogna mai confondere i supporti fisici con la comunicazione che vi è incorporata.

Ecco perchè parlare non sempre significa comunicare. Perchè magari qualcuno sta dando fiato alla bocca e sta emettendo molti suoni che si traducono in parole di una lingua (italiano?) ma non c'è dietro una comunicazione. Non c'è un'idea o non c'è una emozione......

Inoltre la comunicazione è fatta di qualcosa che va e qualcosa che viene. Si parla di comunicazione a due sensi.
Un senso è il verso seguito dal flusso della comunicazione. Se guardiamo l'acqua che esce da un rubinetto capiamo subito il concetto di flusso. C'è dell'acqua che parte da un capo del tubo per uscire dall'altro capo.
Così possiamo avere Giorgio (persona A) che parla con Beppe (persona B). La comunicazione fluisce da A a B e ne determina la direzione. Ma questo sarebbe solo il 50% della cosa.
L'altra metà è costituita dall'inversione del flusso comunicativo.

Avremmo VERA comunicazione quando anche Beppe si mette a dire qualcosa a Giorgio. Quando la comunicazione fluisce da B ad A.

Naturalmente ci sono molte situazioni, tutte ugualmente valide e funzionanti. Non è detto che Beppe debba parlare quanto e come Giorgio perchè ci sia comunicazione effettiva e completa. L'importante è che ci sia ogni tanto un inversione di flusso.

Nelle vendite non funziona, ad esempio, che il venditore Mario Rossi vada dal cliente e gli dica cosa fa lui, come funziona il suo prodotto/servizio, quanto è bravo, quanto è professionale la sua azienda e così via.
Se Mario Rossi fa fluire la comunicazione da lui al cliente in modo ininterrotto non avremmo un bel risultato e di fatto Mario Rossi non riuscirà a raggiungere il risultato che in primo luogo lo ha portato a parlare con il cliente. Cioè presentare un prodotto, ottenere dell'interesse e fare la vendita!

Cosa è stato omesso?
Che Mario Rossi non deve parlare! Deve comunicare!
Sono due cose diverse. Sembrano uguali ma uguali non sono.
Magari Mario Rossi avrebbe dovuto osservare il suo cliente per bene! Avrebbe notato che il suo cliente era turbato quando al telefono il giorno prima sembrava tranquillo.
Vedendo il turbamento avrebbe potuto chiedere: "Salve, signor Bianchi, come sta oggi? Qualche preoccupazione?". E il signor Bianchi, dopo un primo momento di imbarazzo, magari avrebbe spiegato al venditore Rossi che è preoccupato per bla bli - bla bla e che la cosa occupa i suoi pensieri e gli impedisce di occuparsi con successo del lavoro.
Rossi e Bianchi avrebbero potuto scambiare idee ed emozioni su questo argomento.
Sarebbe avvenuta della comunicazione.
Bianchi avrebbe incrementato la propria affinità e disponibilità a comunicare con Rossi in modo incredibile.
La comunicazione è il sale della vita.

Pensate a voi, pensate a quando avete qualcosa che vi sale e si blocca fra lo stomaco e la gola. Oppure qualcosa che sbatte da un orecchio all'altro e che rimbalza dietro la fronte e giù fino alla nuca. Come una pallina da tennis.....
Pensate a voi quando vorreste tirate fuori quel rospo e nessuno intorno è disponibile.
Allora lo comunicate a voi...... ma non funziona tanto.......

La comunicazione è il sale della vita.
E anche il sale delle attività economiche. Perchè il lavoro è parte della vita.

Saper comunicare è quindi non solo trasmettere informazioni ma anche (e soprattutto!!!) saper osservare, percepire, ascoltare e far comprendere che si è compreso.
Quanti di noi hanno ascoltato ma non hanno mai fatto sapere all'interlocutore che la sua comunicazione è stata ricevuta e compresa?

Ci sono molti modi in cui una comunicazione può andare storta. E queste situazioni possono essere risolte tramite un addestramento alla comunicazione effettuato per gradini. In cui una persona si abitua, tramite esercizi, a sviluppare buone abitudini comunicative per gradi.
In modo che quando ci si trova nella vita reale, la comunicazione avvenga con il rispetto di tutti i passaggi necessari e con naturalezza. 

Diffidate di tecniche di comunicazione che insegnano trucchi o che installano medoti automatici per "comunicare". La comunicazione è il sale della vita. E' qualcosa di profondamente fluido e meravigliosamente armonioso.
Se comunicate veramente con qualcuno e tutto fluisce come dovrebbe, dopo si sperimenta una sensazione meravigliosa. L'avrete provata qualche volta, no?
Quella era comunicazione.

La Learning School offre dei corsi di comunicazione in cui spiega di quali passi e fattori è composta e in cui ci si esercita a comunicare.
Ciò significa maggior efficienza nella gestione di un gruppo, migliori rapporti con i fornitori e collaboratori e maggiori vendite con i clienti.
Crediamo che ne valga la pena saper comunicare meglio, o no?
Questi corsi sono disponibili anche per l’acquisto diretto on line.
Ecco la nostra pagina dedicata con un video gratuito che introduce il corso:
http://consigli.conoscerepervincere.com/video-corso-di-comunicazione/

Oppure chiedeteci maggiori informazioni attraverso i nostri contatti.

Grazie per l'attenzione.

lunedì 7 luglio 2014

Sai comunicare o non sai comunicare?

Noi, questa domanda, ce la saremo posta un milione di volte quando eravamo ragazzi....
"So comunicare o non so comunicare?"

D'altronde quando si cerca di ottenere qualcosa, ci si dimentica che qualsiasi richiesta, qualsiasi offerta, qualsiasi idea o progetto PRIMA DI OTTENERE attenzione o accordo, devono essere comunicate.

L'essere umano è comunicazione.
E' difficile trovare una concetto così semplice ma allo stesso tempo così denso di conseguenze e possibilità di approfondimento.

Anche nelle attività economiche (che sono, ricordiamolo, attività svolte da essere umani), la comunicazione è un fattore fondamentale.

Se hai una buona idea o un buon progetto ma non riesci a trasmetterla ai tuoi colleghi o ai tuoi collaboratori, a che serve avere una buona idea o un buon progetto?
Se hai un buon prodotto o consegni un buon servizio ma non riesci ad informare della cosa i tuoi potenziali clienti, a che serve avere un buon prodotto o consegnare un buon servizio?

La comunicazione è come avere un filo del telefono che collega due città diverse divise da un baratro.
Non vi è nessuna possibilità di comprendere cosa accade nella città vicina se non tramite il telefono. Certo, si possono vedere alcune cose da lontano. Si può vedere il fumo dei caminetti o con dei cannocchiali vagamente intuire alcuni movimenti. Ma è una conoscenza superficiale. Senza comunicazione (il filo del telefono) le due città sono mondi a se stanti. Indipendenti e inconoscibili.
Ecco..... nella vita due persone che non comunicano sono come queste due città. La conoscenza reciproca è superficiale e basata su ipotesi che partono da una osservazione dall'esterno. Con binocoli che spesso non funzionano neppure bene perchè è frequente che si veda solo ciò che si vuol vedere o ci si inventi qualcosa che non c'è.

Con la comunicazione si può CONOSCERE.
Un'azienda può conoscere cosa il potenziale cliente cerca o desidera (indagini di marketing).
Un'azienda può far sapere cosa offre (promozione/pubblicità).
Un'azienda può sapere cosa ne pensa il cliente di ciò che ha comprato o gli è stato offerto (cura del cliente).

Ma, anche.... in un'azienda tutti i collaboratori SANNO quale sia la meta aziendale, quali gli obiettivi e quali le strategie.
In un'azienda, i vertici possono CONOSCERE cosa avviene nelle zone operative. E sapendo cosa accade e quali sono le esigenze, possono prendere le migliori decisioni.
In un'azienda, i venditori che COMUNICANO con i clienti, porteranno a casa più risultati e saranno una fonte preziosa di informazioni per migliorare il prodotto/servizio.

La comunicazione è fatta di poche, semplici regole basilari. 
Non è fatto di artifici, trucchi, schemi, meccanismi e chissà quale sofisticato marchingegno.
Non bisogna MAI confondere la semplice essenzialità della comunicazione con la complessità degli strumenti che permettono la comunicazione.
La comunicazione non è un telefono cellulare. Nè la TV o internet.
La comunicazione è qualcosa che viaggia fra 2 persone. O fra una persona e un gruppo.
Telefono, computer, piccioni viaggiatori, libri, linguaggi, segnali di fumo e via dicendo sono solo strumenti.
Lo strumento non è la comunicazione.

E tu sai comunicare?
La Learning School tiene dei corsi di formazione in cui affronta i dati basilari che fanno comprendere cosa la comunicazione sia, come essa si ingarbugli e come essa può essere dipanata e usata per i propri scopi. La comunicazione ha a che fare con la leadership, lo spirito di squadra ma anche con le vendite, la produzione e, in definitiva, con tutta l'attività di un'azienda.
Ma non basta conoscere cosa la comunicazione sia e funzioni.
Occorre anche esercitarsi a sufficienza.
Se vuoi sapere cosa la Learning School può fare per migliorare l'efficienza della comunicazione della tua azienda e nella tua azienda, contattaci....

Grazie per l’attenzione


venerdì 23 maggio 2014

Corso Comunicazione Aziendale Vincente a Torino



Abbiamo tenuto il corso Comunicazione Aziendale a Torino presso la sede di Form Now. Leggi le testimonianze dei partecipanti.


“Con la conferenza di oggi ho appreso degli argomenti per mostrare al mio socio ed ai nostri collaboratori come dev’essere un’azienda e qual è lo scopo. Le mie aspettative sono state soddisfatte in modo più esteso di quanto il titolo facesse pensare.” Giovanni

“I benefici da questa conferenza sono l’aver capito molto meglio come gestire il personale; questo ha soddisfatto le mie aspettative. E’ stato utile partecipare a questa conferenza, perché migliorerà l’ambiente lavorativo.” Domenico

“Le tematiche trattate in questa conferenza fanno si che si possa prendere coscienza dei reparti da migliorare. Il formatore (Scarfò) è preparato e molto chiaro nell’esposizione dei contenuti; che sono stati soddisfatti pienamente.” Luca

“La mia partecipazione alla conferenza mi ha fatto comprendere che non devo commettere errori nel futuro visto che per questi ho perso molto tempo, che invece avrei dovuto usare per produrre nel mio lavoro. E’ stato soddisfacente partecipare al corso.” Michele

“Si, molti benefici dalla conferenza, la prossima volta prenderò dei saggi appunti; con l’infarinatura di dati sulle aree in cui devo intervenire è stato d’aiuto.” Marco

“Con questa conferenza ho avuto un’illustrazione razionale di alcune tecniche utili in azienda, spesso lasciate e non osservate per “abitudine”. Questo workshop è stato efficace ed utile.” Paolo

“Grazie, alla partecipazione di questa conferenza ho potuto prendere coscienza di alcune aree di miglioramento in azienda e ho potuto osservare alcune aree di criticità. Sono state soddisfatte le mie aspettative dalla conferenza.” Francesco

“La conferenza mi ha dato molte idee e molti spunti per riflettere sia in campo lavorativo che personale. Vorrei ricevere i vostri servizi e partecipare ad altre iniziative simili.” Franco

“Bello ed illuminante questo workshop! Con la conferenza ho avuto ulteriore conferma dei dati già di mia conoscenza, ma ora posso applicare mettendoli in pratica con semplicità. Vorrei ricevere le diapositive visonate durante la conferenza perché sono molto utili e pratiche nel mondo del lavoro.” Giorgio

“Mi è piaciuto moltissimo partecipare a questa conferenza ho avuto la possibilità di ragionare su quali strategie mi erano chiare, ma non riuscivo ad applicare per la troppa confusione che ho creato nell’attuale mia gestione del tempo. E’ stato tutto utile e sono state soddisfatte le mie aspettative dalla conferenza.” Luca

“Ho avuto diversi benefici, perché mi ha fatto riflettere molto riguardo al lavoro e all’azienda. La conferenza ha confermato le mie aspettative in modo soddisfacente. Vorrei ricevere le diapositive della conferenza perché mi saranno utili e sono interessato ai Vostri workshop a tema.” Laura

“Partecipare a questa conferenza è stato molto utile perché ho imparato dati e azioni che miglioreranno il mio lavoro e quello dell’azienda. Sono soddisfatto in tutte le aspettative.” Piero

“Grazie a questa conferenza ho avuto suggerimenti e spunti su cui riflettere ulteriormente e sono stati tutti interessanti; le mie aspettative dal corso sono state tutte soddisfatte. La conferenza mi ha aiutato e motivato facendo chiarezza su molti punti ed argomenti che sono da rivedere nella mia azienda.” Marco

“Durante la conferenza ho preso atto dei “nei” presenti nella gestione della mia azienda, questo mi aiuterà nel futuro. Le mie aspettative sono state soddisfatte per questo vorrei partecipare ai Vostri Workshop a tema.” Concetta

“Con la conferenza di oggi ho imparato nuovi concetti e sentito idee che condivido pienamente. Grazie, ho assolutamente soddisfatto le mie aspettative di aver partecipato e sono interessato ai vostri servizi aziendali.” GianPaolo

“Grazie alla partecipazione di questa conferenza ho avuto benefici in campo lavorativo perché mi ha stimolato e fatto riflettere sulle azioni che si devono fare in azienda affinché migliori la produttività.” Enrico

“Le mie aspettative dal corso sono state soddisfatte, perché ho ricevuto informazioni e consigli molto utili ed efficaci!! importanti per migliorare l’aspetto lavorativo.” Alessandro

“I benefici avuti partecipando a questa conferenza è stata la conferma di errori fatti in azienda, ma grazie agli utili consigli potrò migliorare l’aspetto lavorativo; per questo le mie aspettative dal corso sono soddisfatte. Ringrazio per la chiarezza espositiva del corso.” Massimiliano

“Le mie aspettative da questa conferenza sono state soddisfatte, perché partecipando ho potuto rendermi conto degli errori che commettevo in azienda.” Luciano